Illusioni

Per quanto mi riguarda, e credo di averlo già scritto, c’é una sola collana Bonelli davvero imperdibile. E tra gli sceneggiatori impegnati a scrivere per la casa editrice milanese, ce n’é uno che cerco di seguire in ogni occasione.maxresdefault

La collana è “Le Storie” e lo sceneggiatore è Fabrizio Accatino. L’anno scorso, più o meno in questo periodo, era uscito quel gioiello di “Il prezzo dell’onore”, un albo indicato da più parti come la miglior storia a fumetti uscita in Italia nel 2015.

Bene, il binomio si è ricomposto nell’ultimo numero de
lla collana, che dà anche il titolo al mio Post.

Una storia semplice, e deliziosa.

Siamo a Praga, all’inizio del ‘900 e Janek si guadagna da vivere come può, sognando nel contempo di calcare grandi palcoscenici come il suo idolo Houdini. Sì, perché Janek è un prestigiatore. O un mago?

Janek fa una vita dura, ma l’incontro con una ragazzina, all’apparenza tanto più giovane da sembrare poco più di una bambina, gli dà uno scopo ulteriore. Adesso Janek deve anche prendersi cura di lei, perché Kalina non ha né casa, né famiglia. O è la piccola Kalina a prendersi cura di Janek, in realtà?

1465563561210-illusioni___le_storie_46_coverE come se non bastassero i problemi connessi alla lenta rincorsa del successo, Janek è anche perseguitato da Anton, il bullo del quartiere, invidioso delle sue capacità.

Seguono complicazioni nella vita di tutti e tre, che qui mi astengo dallo svelare.

Come dicevo, si tratta di una storia semplice, narrata con tocco lieve, ma
con ciò per nulla banale. Forse non raggiunge la vetta toccata da “Il prezzo dell’onore”, ma non per questo risulta meno memorabile.

L’atmosfera in cui sono calati i protagonisti, quella di Praga all’inizio del ‘900, è resa con efficacia dai disegni di Gianpiero Walnofer.

Il protagonista è un tipo silenzioso, abituato a parlare con i fatti e i trucchi dei quali è capace. Non ci sono tratti di ambiguità o particolari tormenti in lui. E ci conquista subito. Per questo, quando la vita gli offre una seconda chance, vogliamo subito che la storia, contro ogni logica, vada in un certo modo.

Ve la consiglio? Sì, ma a patto che sappiate “accontentarvi”di ciò che l’autore vi vorrà svelare. Perché se in molti si lamentano dei “pipponi” informativi destinati a svelare i retroscena e a dare un senso alla narrazione, anche quando forse se ne potrebbe fare a meno, beh, qui non ne troverete affatto. O meglio, il finale è spiegabile con una sola parola: magia.

E se non vi bastasse quella, per gustarvi una storia, allora statene alla larga. Ma non saprete mai quello che vi siete persi.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...